Seleziona una pagina
La malattia di Peyronie (MD) è un accumulo di collagene nel pene che forma una cicatrice, producendo una deformità e dolore nello stato erettile. Questa malattia colpisce tra l’1% e l’8% degli uomini. Il laboratorio ANDROMEDICAL annuncia il grande potenziale di una nuova terapia combinata per il trattamento della malattia di Peyronie basata sulla matrice fibrina ricca di piastrine (PRFM o PRP attivato) con Andropeyronie, un dispositivo di trazione peniena (PTD) progettato per trattare le curvature del pene. Ora gli urologi, i loro pazienti e le compagnie di assicurazione sanitaria possono avere un’alternativa economica alla collagenasi e alla chirurgia per curare la malattia di Peyronie.

Nel 2013 la US-FDA ha approvato l’uso della collagenasi (CCH) per il suo trattamento. La collagenasi è un enzima che rompe i legami peptidici del collagene, ma studi medici hanno dimostrato che l’efficacia è limitata ad una correzione del 33% della curvatura del pene. Nel 2013, il Dr. Martínez-Salamanca (Spagna) ha condotto uno studio ospedaliero con il dispositivo di trazione peniena chiamato Andropeyronie per trattare la malattia di Peyronie nella fase acuta, ottenendo una correzione del 60% della curvatura con scomparsa sonografica delle placche nel 48% dei pazienti. Nel 2015 l’American Urological Association raccomanda di trattare la malattia di Peyronie con una terapia combinata con collagenasi e “rimodellamento” del pene. Il rimodellamento della placca di Peyronie si effettua allungando il pene con esercizi manuali o applicando una forza progressiva morbida per alcune ore al giorno con un dispositivo di trazione peniena (PTD).

Nel 2018 il Dr. Terlecki (USA) ha pubblicato uno studio clinico sull’uso del plasma ricco di piastrine autologo (PRP) nella malattia di Peyronie, le cui conclusioni sono state che il PRPRP o PRFM attivato sembra essere un trattamento sicuro e fattibile, oltre l’80% dei pazienti ha migliorato il proprio grado di curvatura. La PRP deriva dalla centrifugazione del sangue intero. Le prove suggeriscono che le piastrine svolgono un ruolo importante nella riparazione dei tessuti, nel rimodellamento vascolare e nelle risposte infiammatorie e immunitarie attraverso la secrezione di fattori di crescita, citochine e chemochine. Le ricezioni medie di 2 iniezioni per paziente (range, 1-8) sono state inserite direttamente in placche tunicali sotto guida ecografica.

La fisiopatologia della malattia di Peyronie sembra comportare un aumento dell’infiammazione dovuta alla rottura dei tessuti, seguita da una guarigione della ferita aberrante con conseguente formazione di placche fibrotiche. Attualmente non esistono terapie mirate né ai processi infiammatori né alla guarigione delle ferite aberranti che causano la PD. Inoltre, le terapie che si concentrano sulla distruzione delle placche fibrotiche attraverso la manipolazione meccanica o l’iniezione di collagenasi non affrontano la guarigione delle ferite o la rigenerazione del tessuto danneggiato. Teoricamente, l’iniezione di PRFM potrebbe combinare l’alterazione meccanica della placca, attraverso la frattura dell’ago, e contemporaneamente neutralizzare i processi infiammatori distruttivi nel tentativo di promuovere una migliore risposta di guarigione delle ferite e stabilizzare la placca danneggiata.

Nel 2013 il Dr. Chung (Australia) ha pubblicato uno studio scientifico sul meccanismo d’azione dei dispositivi di trazione peniena, dimostrando che l’applicazione dello stress meccanico modula la funzione cellulare attraverso la meccano-trasduzione, un processo cellulare che traduce gli stimoli meccanici in una risposta chimica che porta all’attivazione della proliferazione cellulare. Nel 2019 il Dr. Romero-Otero (Spagna) ha pubblicato uno studio clinico che dimostra che l’uso di un dispositivo di trazione peniena riduce la necessità di cicli di collagenasi nei pazienti con la malattia di Peyronie.

Il mondo dell’urologia sta avanzando rapidamente e molte cliniche stanno iniziando ad utilizzare questa promettente terapia combinata di plasma ricco di piastrine con terapia di trazione peniena nella speranza di guarigione delle ferite e rigenerazione dei tessuti. Si stanno aprendo nuove opzioni terapeutiche per la malattia di Peyronie, con benefici per i pazienti, gli urologi e le compagnie di assicurazione sanitaria. La terapia di PRP con PTD è un trattamento efficace senza effetti collaterali, facilmente eseguibile in studio medico e un’alternativa economica ad altre terapie o interventi chirurgici.

Pin It on Pinterest